Comune di Borgo San Dalmazzo

Ti trovi in: Informazioni > Regolamenti > Manutenzione e restauro facciate


Regolamenti:
Incentivazione degli interventi di manutenzione e restauro delle facciate

Art. 1 - Finalità
Art. 2 - Oggetto del Regolamento
Art. 3 - Norme di accesso
Art. 4 - Soggetti beneficiari
Art. 5 - Presentazione delle domande
Art. 6 - Esame delle domande
Art. 7 - Graduatorie ed assegnazioni
Art. 8 - Erogazione del contributo
Art. 9 - Decadenza

Art. 1 - Finalità
1.Il presente Regolamento ha lo scopo di incentivare l'effettuazione, da parte dei proprietari degli immobili, di interventi edilizi di manutenzione ordinaria e straordinaria (purchè non compresi in più ampi interventi di ristrutturazione edilizia totale o di demolizione e ricostruzione), nell’ambito del Centro Storico della Città, di ripristino e/o rifacimento degli intonaci e di tinteggiatura delle facciate degli edifici cittadini prospettanti spazi pubblici od aventi fruibilità pubblica, conformi al Piano del Colore, al regolamento Edilizio Comunale e agli standards estetici definiti dal Comune ai fini del recupero e della riqualificazione urbana della Città.
2. Il Consiglio Comunale ha facoltà di introdurre ulteriori interventi edilizi ritenuti meritevoli di incentivo, purchè conformi alle norme regolamentari comunali disciplinanti l’attività edilizia nel Centro Storico.
3. L’incentivazione riguarda le unità immobiliari situate all’interno del Perimetro del Centro Storico come individuato dal vigente Piano Regolatore Generale (“Dettaglio Centro Antico zona R1).

Art. 2 - Oggetto del Regolamento
1. L'incentivazione di cui all'articolo 1 dei presente Regolamento è attuata mediante la concessione di contributi annui a fondo perduto per ogni unità immobiliare posseduta, fino ad esaurimento del fondo annualmente stanziato.
2. A tal fine, l'Amministrazione Comunale iscrive annualmente nel bilancio di previsione specifica voce con la dotazione finanziaria ritenuta opportuna, eventualmente integrabile, il cui stanziamento è utilizzato per gli interventi ricadenti nelle porzioni urbane prioritariamente individuate dalla Giunta Comunale, anche tenendo conto dello stato di attuazione degli interventi già finanziati e di eventuali altre priorità o precedenze.
3. Il contributo a fondo perduto per gli interventi di ripristino e/o rifacimento degli intonaci delle facciate esterne è riconosciuto nella misura di euro 12,00 al metro quadro di superficie intonacata, con un tetto massimo di contribuzione di euro 1.500,00.
4. Il contributo a fondo perduto per interventi di tinteggiatura delle facciate esterne è riconosciuto nella misura di euro 10,00 al metro quadro di superficie tinteggiata, con un tetto massimo di contribuzione pari ad euro 1.500,00.
5. Il contributo massimo concedibile nel caso di interventi plurimi (commi 3 e 4) non potrà superare l’importo di euro 2.500,00.
6. Per la misurazione delle superfici intonacate e/o tinteggiate si fa riferimento al criterio “vuoto per pieno” con l’esclusione dei vani di porte e finestre con superficie superiore a 4 mq.

Art. 3 - Norme di accesso
1. Per l'assegnazione dei contributi il Responsabile del Servizio, sulla base degli indirizzi, delle priorità d’intervento e delle misure contributive stabilite dalla Giunta Comunale adotta annualmente apposito bando e lo rende noto mediante affissione di manifesti, a mezzo stampa, pubblicazione all’Albo Pretorio e sul sito internet del Comune.
2. Nel bando sono specificati, i termini e le modalità di presentazione delle relative domande. sali ad inizio pagina

Art. 4 - Soggetti beneficiari
1. Possono accedere agli incentivi i soggetti privati, le Società, gli Enti, le Associazioni, le Cooperative e comunque le persone giuridiche titolari di diritto di proprietà su immobili, (anche avvalendosi, per l’istanza, dell’amministratore o del tecnico incaricato), che intendono effettuare gli interventi edilizi di manutenzione ordinaria specificati all’art. 1.

Art. 5 - Presentazione delle domande
1. Le domande, da compilarsi con utilizzo del modulo comunale da parte del proprietario o, in caso di condomini da parte dell’Amministratore o loro tecnici incaricati, devono pervenire entro il termine perentorio stabilito dal bando stesso, pena la non ammissione.
In caso di persona giuridica proprietaria la domanda dovrà essere sottoscritta dall’avente la legale rappresentanza o mandato. Le domande incomplete, o carenti di documentazione allegata o comunque inidonee ad essere esaminate possono essere integrate previa assegnazione di un termine non inferiore a giorni dieci.
2.Le domande, munite di fotocopia della carta di identità del richiedente, devono essere corredate dalla seguente documentazione:
- progetto di massima completo di elaborati (nel caso di mera tinteggiatura e/o ripristino dell’intonaco sono sufficienti estratti planimetrici) e fotografie ;
- relazione tecnica dei lavori (per opere di restauro, risanamento conservativo e ristrutturazioni edilizie interne);
- preventivo di spesa;
- nulla osta dell’Autorità Amministrativa competente in caso di interventi soggetti a vincolo.
- dichiarazione attestante la proprietà dell'edificio, e che l’incentivo è richiesto esclusivamente per tale bene;
in caso di condominio, copia del verbale dell'assemblea condominiale approvante l’esecuzione dei lavori ed elenco dei proprietari che costituiscono il condominio;
-Permesso di Costruire o la Denuncia Inizio Attività: tali atti possono essere depositati anche dopo la comunicazione dell'assegnazione del relativo incentivo, di cui al successivo art. 7 comma 4, e comunque entro 240 (duecentoquaranta) giorni dal ricevimento di essa.

Art. 6 - Esame delle domande
1. Le domande, pervenute entro il termine stabilito dal bando sono istruite ed esaminate dal Responsabile del Servizio Urbanistica, che si avvale del supporto del personale in dotazione. sali ad inizio pagina

Art. 7 - Graduatorie ed assegnazioni
1. Al termine dell'esame delle domande, il Responsabile del Servizio Urbanistica stilerà la graduatoria delle domande ammissibili al contributo.
2. La graduatoria di cui al comma precedente sarà predisposta, sulla base dell’ordine di arrivo al protocollo del Comune delle domande e relativa documentazione allegata, con precedenze agli interventi ricadenti nelle porzioni urbane prioritariamente individuate dalla Giunta Comunale ai sensi dell’art. 2 comma 2 e ad una unità immobiliare.
3. La graduatoria, preventivamente inviata all’Assessore all’Urbanistica, è poi approvata con determinazione dal Responsabile del Servizio Urbanistica, che assegna i contributi sino all'esaurimento della disponibilità finanziaria all’uopo accantonata nell'anno di riferimento.
4. L'assegnazione del contributo è formalmente comunicata ai beneficiari.
5. Qualora l’assegnatario non intenda beneficiare del contributo dovrà darne tempestiva comunicazione scritta, entro trenta giorni onde consentire l’assegnazione del contributo ad altro candidato utilmente collocato nella graduatoria.
6. Gli interventi ammessi a contributo devono essere ultimati, nella loro interezza, entro 12 (dodici) mesi dal rilascio del relativo Permesso di Costruire, o decorsi venti giorni dalla presentazione della Denuncia Inizio Attività (silenzio-assenso).

Art. 8 - Erogazione del contributo
1. L'erogazione del contributo avverrà, previa verifica da parte dell’Ufficio Tecnico Comunale degli interventi eseguiti ed a seguito di presentazione, entro il termine di giorni sessanta dalla effettiva conclusione dei lavori, di una dichiarazione sostitutiva di certificazione ai sensi dell’art. 47 del DPR 28.12.2000, n° 445 con la quale il soggetto beneficiario dichiara l’avvenuta ultimazione dei lavori, la loro conformità al progetto ammesso al contributo e la spesa complessivamente sostenuta.

Art. 9 - Decadenza
1. Decadono dall'assegnazione dei contributi di cui al presente Regolamento i soggetti che:
- non provvedano a richiedere il Permesso di Costruire o a presentare la Denuncia Inizio Attività entro il termine di cui al precedente articolo 5.
- a seguito di accertamento d'ufficio risultino aver prodotto falsa dichiarazione (è comunque fatta salva la denuncia all’autorità giudiziaria, trattandosi di reato punito dal Codice Penale).
- non presentino entro sessanta giorni dall’effettiva conclusione dei lavori la dichiarazione sostitutiva.
- non abbiano effettuato i lavori nel termine di dodici mesi.
2. In tali casi il Responsabile del Servizio, previa comunicazione alla Giunta Comunale, dispone l’assegnazione dell'incentivo ad altro soggetto utilmente classificato nella graduatoria.

sali ad inizio pagina torna all'elenco dei regolamenti

divisore