Comune di Borgo San Dalmazzo

Ti trovi in: Informazioni > Regolamenti > Trasporti scolastici


Regolamenti:
Servizio dei trasporti scolastici

Articolo 1 – Finalità e criteri generali
Articolo 2 – Destinatari
Articolo 3 – Bacini di utenza
Articolo 4 – Organizzazione
Articolo 5 – Calendari e orari
Articolo 6 – Modalità organizzative
Articolo 7 – Accompagnamento
Articolo 8 – Sicurezza e Responsabilità
Articolo 9 – Iscrizioni
Articolo 10 – Sottoscrizione del Regolamento
Articolo 11 – Comunicazioni tra la Ditta aggiudicataria del Servizio del Trasporto Scolastico - Comune - Famiglia
Articolo 12 – Modalità di fruizione del Servizio
Articolo 13 – Sanzioni
Articolo 14 – Tariffe
Articolo 15 - Agevolazioni
Articolo 16 - Esoneri
Articolo 17 – Servizi gratuiti
Articolo 18 – Modalità di fruizione dei servizi gratuiti
Articolo 19 – Conclusioni

Articolo 1 – Finalità e criteri generali
Il Servizio di Trasporto Scolastico è di norma svolto sulla base di un contratto d’appalto, compatibilmente con le disposizioni previste dalle leggi finanziarie e dalle effettive disponibilità di bilancio. Il Comune stabilisce le norme per l’organizzazione del Servizio, ed il sistema tariffario.
Il Servizio di Trasporto Scolastico risponde all’esigenza di agevolare l’assolvimento dell’obbligo scolastico, concorre a rendere effettivo il diritto allo studio e facilitare l’accesso alla scuola di competenza, con priorità per gli alunni per i quali il raggiungimento della sede scolastica presenta oggettive difficoltà.
Il presente Regolamento disciplina le modalità di accesso e di utilizzazione del Servizio di Trasporto Scolastico da parte dell’utenza.

Articolo 2 – Destinatari
Il Servizio di Trasporto Scolastico è svolto in favore degli alunni iscritti alle scuole primarie e secondarie di primo grado, aventi residenza o domicilio nel Comune, che risiedono ad una distanza di oltre 500 m dal plesso scolastico ed alle scuole dell’infanzia. Possono essere ammessi al servizio anche residenti in comuni limitrofi, compatibilmente con le disponibilità di posti sui mezzi e purchè ciò non comporti disfunzioni e/o ritardi negli orari e percorsi prestabiliti, fermo restando il principio di precedenza per i residenti.
Il servizio è garantito agli alunni portatori di handicap, frequentanti le scuole sopra citate, nel rispetto dei principi di cui alla Legge 05.02.1995 n. 104 “Legge quadro per l’Assistenza, l’integrazione sociale e i Diritti delle persone handicappate”.

sali ad inizio pagina

Articolo 3 – Bacini di utenza
Il Servizio di Trasporto Scolastico è previsto per la scuola di competenza i cui bacini di utenza sono individuati annualmente dal Comune.

Articolo 4 – Organizzazione
L’appaltatore del servizio è tenuto ad osservare con puntualità e diligenza tutte le norme e disposizioni in materia di trasporto scolastico, ivi comprese quelle contenute nei capitolati e bandi di gara approvati dal Comune, nonché quelle del presente regolamento.

Articolo 5 – Calendari e orari
Il Servizio viene svolto di norma dal lunedì al venerdì in orario antimeridiano e pomeridiano ed il sabato in orario antimeridiano, in funzione del calendario annualmente stabilito dalle Istituzioni Scolastiche e concordato con il Comune. Il Servizio per le entrate e le uscite intermedie rispetto all’ora di inizio e termine delle lezioni potrà essere svolto purchè richiesto e programmato con il dovuto anticipo con i dirigenti scolastici.
Per le scuole dell’infanzia il Servizio viene effettuato dopo il normale orario di entrata al mattino e prima dell’uscita pomeridiana delle scuole primarie e secondarie.
Il Servizio di Trasporto Scolastico non viene garantito in caso di uscite scolastiche anticipate per assemblee sindacali o scioperi parziali del personale docente. In tali casi la scuola dovrà avvisare con lettera, tempestivamente ed in anticipo il Responsabile del Servizio del Comune. Il servizio non sarà garantito anche nei casi di uscite anticipate dovute per motivi straordinari o urgenti (ad es.: formazione di ghiaccio sulle strade, improvvise ed abbondanti nevicate, eventi calamitosi, ecc…).

sali ad inizio pagina

Articolo 6 – Modalità organizzative
Gli alunni vengono trasportati a partire dalla fermata scuolabus più vicina alla propria residenza/domicilio, fino alla scuola e viceversa.
La linea dello scuolabus utilizzata dall’utenza per l’andata dovrà essere la medesima anche per il ritorno. Saranno ammesse variazioni tra fermata di andata e fermata di ritorno solo se appartenenti alla medesima linea.
I punti di salita e di discesa dei mezzi vengono definiti ogni anno e saranno segnalati con apposita segnaletica verticale e orizzontale fornita, installata e curata in manutenzione da parte ed a carico dell’appaltatore. Sarà comunque sempre vietata la salita e la discesa degli alunni al di fuori delle fermate stabilite. Dovrà sempre essere l’appaltatore a richiedere al Comune i nuovi punti di fermata o la necessaria soppressione di quelli non utilizzati.

Articolo 7 – Accompagnamento
Il servizio di accompagnamento sugli scuolabus, che può essere appaltato disgiuntamente da quello del trasporto, è previsto esclusivamente per i bambini della scuola dell’infanzia ed è svolto secondo le modalità e le disposizioni di legge.
La responsabilità dell’accompagnatore è limitata alla vigilanza dei bambini all’interno dello scuolabus affinché gli stessi restino seduti in sicurezza sui sedili e rispettino le normali regole del vivere civile (ordine, silenzio e rispetto degli altri). L’accompagnatore collabora con i genitori nelle operazioni di salita e di discesa dei bambini .

Articolo 8 – Sicurezza e Responsabilità
L’Appaltatore è responsabile degli alunni trasportati dal momento della salita sul mezzo alla fermata stabilita, fino al momento della discesa presso la scuola e, al ritorno, dal momento della salita sul mezzo presso la scuola fino alla discesa in corrispondenza della fermata stabilita. La responsabilità dell’autista è limitata al trasporto dei bambini, per cui una volta che essi siano scesi alla fermata stabilita, l’attraversamento della strada e/o il percorso fermata scuolabus-casa non potrà costituire onere o competenza a proprio carico. Al riguardo i genitori degli alunni dovranno provvedere alla sicurezza del bambino dalla fermata stabilita alla propria abitazione. Più specificatamente i genitori hanno l’obbligo di accompagnare e ritirare il proprio figlio in corrispondenza della fermata bus (individuata dall’apposita segnaletica verticale stradale), dal lato della carreggiata relativo al senso di marcia dello scuolabus, all’orario stabilito, rimanendo responsabile del minore dal punto di vista civile e penale , nel tratto compreso fra l’abitazione e i punti di salita e di discesa. L’appaltatore, l’eventuale accompagnatore ed il Comune non assumono alcuna responsabilità nei riguardi degli alunni prima che essi siano saliti e dopo che siano scesi dallo scuolabus. Qualora i genitori di un alunno frequentante la scuola dell’infanzia non si presentassero all’orario convenuto a riprendere il proprio bambino alla fermata stabilita, l’autista provvederà a riconsegnare il bambino alla scuola di provenienza.

sali ad inizio pagina

Articolo 9 – Iscrizioni
I genitori degli alunni che intendono usufruire del Servizio di Trasporto Scolastico sono tenuti a presentare domanda di iscrizione al servizio su appositi moduli, entro il termine stabilito dal Comune, e comunque non oltre il 31 Maggio di ogni anno per l’anno scolastico successivo. Le richieste presentate successivamente saranno valutate ed accettate a condizione che sussista disponibilità di posti. Per le richieste presentate dal 1° giorno di scuola verrà richiesto il pagamento di una tariffa aggiuntiva “una tantum” di 25,00 (venticinque) euro, a nucleo familiare, rivalutabile annualmente secondo l’indice ISTAT. Da tale tariffa sono esentati i casi relativi ai nuovi residenti e i soggetti indicati negli artt. 15 e 16). Tale tariffa sarà inserita nel ruolo di riscossione trimestrale. L’iscrizione ha validità per tutto l’anno scolastico. Eventuali ritiri anticipati non daranno diritto né a restituzioni né a decurtazioni od esenzioni, in quanto la tariffa è sempre dovuta per l’intero anno di trasporto scolastico. Sono fatti salvi i casi di trasferimento anagrafico dell’alunno in altro comune o i periodi inutilizzo del servizio per malattia per il periodo eccedente ai trenta giorni consecutivi.
La domanda di iscrizione dovrà essere consegnata al Comune all’Ufficio Economato.
L’accoglimento della domanda è subordinato all’accertamento dei presupposti previsti dal presente Regolamento. Il Comune si riserva di non accogliere istanze di trasporto comportanti eccessiva onerosità e/o disfunzionalità all’insieme del servizio.

Articolo 10 – Sottoscrizione del Regolamento
Il modulo di iscrizione, sottoscritto da parte di un genitore od avente la potestà, comporta sia l’accettazione di tutte le norme, nessuna esclusa, contenute nel presente regolamento, sia l’impegno ad accettarle senza riserva alcuna.
Le domande di iscrizione non recanti la sottoscrizione non saranno accettate.

sali ad inizio pagina

Articolo 11 – Comunicazioni tra la Ditta aggiudicataria del Servizio del Trasporto Scolastico - Comune - Famiglia
Nei rapporti con le famiglie l’appaltatore si impegna ad adottare comportamenti improntati alla massima collaborazione e disponibilità.
All’inizio dell’anno scolastico l’appaltatore definirà gli orari ed i luoghi prestabiliti per la salita e la discesa degli utenti e dovrà comunicare tempestivamente per iscritto, prima dell’inizio dell’anno scolastico, al Responsabile del servizio i percorsi e le fermate previste.
L’appaltatore comunicherà altresì tempestivamente agli utenti interessati eventuali variazioni dei percorsi, degli orari e dei luoghi stabiliti per la salita e la discesa che dovessero essere introdotte nel corso dell’anno scolastico, secondo le modalità previste dall’art. 9. Qualsiasi variazione dei dati dichiarati dai genitori al momento dell’iscrizione dovrà essere tempestivamente comunicata, per iscritto all’Ufficio Economato che provvederà all’aggiornamento dei dati in archivio.

Articolo 12 – Modalità di fruizione del Servizio
L’utilizzo del Servizio del Trasporto Scolastico si configura per gli alunni come momento educativo atto a favorire il processo di socializzazione, attraverso il corretto uso dei beni della comunità ed il rispetto delle regole che ne stabiliscono il godimento.
Nello spirito del precedente comma 1, l’appaltatore potrà, di concerto con il Comune, organizzare iniziative educative che possano contribuire a sviluppare negli alunni il senso di appartenenza alla comunità ed il senso di responsabilità nei confronti dei beni comuni.
L’alunno all’interno del mezzo dovrà osservare un corretto comportamento: stare seduto nel posto assegnatogli, fare uso delle apposite cinture di sicurezza, non disturbare i compagni di viaggio e l’autista, usare un linguaggio conveniente, non portare sullo scuolabus oggetti anche potenzialmente pericolosi, (temperini, petardi, ecc...), mostrare rispetto per le attrezzature del mezzo pubblico e più in generale, rispettare le regole impartite all’autista.
E’ vietato agli alunni, per motivi di sicurezza, alzarsi dal proprio posto mentre lo scuolabus è in movimento o sporgersi dai finestrini.
Saranno predisposti dei controlli, da parte del Personale del Comando Polizia Municipale o altro personale incaricato dal Comune per la verifica dei comportamenti di tutti gli alunni, nonché del possesso dei tesserini da parte degli alunni delle scuole secondarie di primo grado.

sali ad inizio pagina

Articolo 13 – Sanzioni
Qualora gli alunni non si attenessero alle indicazioni impartite ed anche se invitati dall’autista non rispettassero le regole date, verrà avviata la seguente procedura:
Il responsabile del servizio invierà alla famiglia una comunicazione/relazione circa il comportamento scorretto dell’alunno,
Qualora l’alunno perseveri nel suo comportamento negativo, ingenerando all’interno del mezzo confusione o pericolo per gli stessi alunni trasportati, il medesimo sarà sospeso dal servizio per cinque giorni consecutivi previa comunicazione alla famiglia ed al Dirigente Scolastico e senza diritto al rimborso della tariffa;
qualora il comportamento negativo non cessasse potrà essere disposta dal Comune l’espulsione dell’alunno dal servizio sino al termine dell’anno scolastico e senza rimborso della tariffa versata.
In caso di danni eventualmente arrecati al mezzo sarà sempre dovuto il risarcimento dei danni da parte dei Genitori del Minore, previa quantificazione dei danni stessi da parte di Ditta specializzata. Il ristoro del danno sarà preceduto da regolare contestazione del medesimo a mezzo raccomandata a/r. I genitori, nei cinque giorni dal ricevimento, potranno presentare le proprie controdeduzioni sulle quali deciderà il Responsabile del competente settore comunale. L’ammontare del danno dovrà essere pagato direttamente alla Ditta aggiudicataria dell’appalto.
L’autista ha facoltà di interrompere la guida qualora riscontrasse condizioni di pericolo o di pregiudizio per il sicuro svolgimento del Servizio. Eventuali ritardi dovuti a situazioni di indisciplina sui mezzi non potranno essere contestati al trasportatore.

Articolo 14 – Tariffe
Gli utenti sono tenuti al pagamento della tariffa determinata annualmente dall’Organo Esecutivo per il servizio richiesto.
La tariffa dovrà essere corrisposta secondo le modalità stabilite nella circolare citata all’art. 9. Le iscrizioni prodotte oltre la scadenza prevista ed accolte secondo le modalità previste nell’art 9, o presentate nel corso dell’anno scolastico nel caso di cambio di residenza, saranno soggette al pagamento del mese di riferimento calcolate a tariffa mensile intera se datate prima del 15, a metà tariffa se datate dopo il 15.
La tariffa non è rimborsabile in caso di mancata frequenza del servizio e nel caso di applicazione delle sanzioni previste al precedente articolo 13 . La retta trimestrale è da considerarsi sempre per l’intero importo e non prevede rimborsi per assenze, festività, scioperi, chiusura forzata delle scuole o uso saltuario. Solamente i mesi di settembre e giugno verranno calcolati in base agli effettivi giorni di calendario scolastico.
Agli utenti delle scuole secondarie di primo grado, ammessi ad usufruire del servizio, sarà rilasciato apposito tesserino di iscrizione, rinnovato annualmente, che dovrà essere esibito a richiesta del conducente al momento della salita sullo scuolabus.

sali ad inizio pagina

Articolo 15 - Agevolazioni
Sono ammessi al pagamento della tariffa agevolata gli alunni appartenenti a famiglie che versino in condizione di disagio economico e sociale sulla base dei criteri stabiliti dal regolamento per l’applicazione ISEE ai servizi scolastici. Tali soggetti sono esonerati dal pagamento della quota aggiuntiva di cui all’art. 9 comma 1.

Articolo 16 - Esoneri
Sono esonerati dal pagamento della tariffa di cui all’art. 14 e della penale di cui all’art. 9, i possessori di tesserini per i trasporti pubblici rilasciati dalla Regione Piemonte alle persone riconosciute invalidi civili.

Articolo 17 – Servizi gratuiti
Il Servizio di Trasporto Scolastico può prevedere la partecipazione gratuita degli alunni ad uscite didattiche e culturali, nei limiti del territorio comunale, della disponibilità dei mezzi e delle risorse finanziarie deliberate del Comune. Gli accompagnatori adulti- nel numero massimo consentito dallo scuolabus – sono esonerati dal pagamento del servizio di trasporto.

Articolo 18 – Modalità di fruizione dei servizi gratuiti
Per usufruire dei servizi di cui all’art. 17, il Dirigente Scolastico, o un suo delegato, dovrà far pervenire alla ditta aggiudicataria ed al Responsabile del Servizio, entro il 30 ottobre di ogni anno scolastico, una specifica richiesta scritta correlata dagli elementi necessari per consentire la predisposizione di un adeguato e ordinato servizio di trasporto.
La ditta aggiudicataria provvederà ad esaminare le richieste ed a programmare il servizio nei limiti delle risorse e dei mezzi disponibili e secondo le direttive impartite dal Comune. Il programma delle uscite verrà comunicato alle Istituzioni Scolastiche competenti le quali dovranno confermare le richiesta del servizio almeno 10 giorni prima della sua effettuazione.
I mezzi saranno disponibili per le uscite didattiche e culturali di cui all’art. 17.
La ditta aggiudicataria si riserva comunque di effettuare il servizio in base alle disponibilità dei mezzi e secondo l’ordine cronologico delle prenotazioni.

Articolo 19 – Conclusioni
Per quanto non previsto dal presente regolamento si rinvia alle norme di legge e regolamentari del settore, nonché ai capitolati, disciplinari e contratti inerenti gli appalti riguardanti il Servizio di Trasporto Scolastico.

sali ad inizio pagina torna all'elenco dei regolamenti

divisore